La temperatura del pianeta sta aumentando, più velocemente di quanto si pensasse. Ad influenzare l’aumento sono anche le attività umane, dall’abbattimento delle foreste tropicali, alla combustione di combustibili fossili e ai rifiuti alimentari. Tuttavia, l’umanità dispone anche delle soluzioni per combattere il cambiamento climatico che possono portare ad una società a basse emissioni di carbonio e ad un ambiente sostenibile per le persone e l’economia globale. Le soluzioni sono molteplici, accessibili e disponibili a tutti. Le energie rinnovabili, dall’eolico al solare fotovoltaico, dall’elettrico alla biomassa insieme al ripristino delle foreste naturali, e una maggiore adozione di alimenti vegetali potrebbero essere alcune delle risposte per salvare il pianeta dall’aumento della temperatura.

Energie rinnovabili: eolico e solare fotovoltaico all’avanguardia.

Un recente rapporto di BloombergNEF attesta che gli investimenti in energia pulita hanno superato i 300 miliardi di dollari nel 2018, con l’eolico e il solare in testa. Sono stati fatti grandi investimenti in due dei più grandi progetti solari del mondo: Noor Complex Solar Power Plant, Marocco, che dovrebbe fornire elettricità a più di 1 milione di persone entro il 2020, per un costo stimato di 2,4 miliardi di dollari e l’impianto fotovoltaico NLC Tangedco in India, per un costo di circa 500 milioni di dollari. Queste due fonti potrebbero diventare ancora più influenti anno dopo anno.

Il futuro e il possibile impatto del fotovoltaico sull’ambiente e il cambiamento climatico.

A livello globale, il solare fotovoltaico potrebbe essere la seconda fonte di produzione di energia entro il 2050, dopo l’eolico. Un rapporto dell’IRENA (Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili) afferma che il solare fotovoltaico, se significativamente accelerato, potrebbe portare a un’importante riduzione del biossido di carbonio di 4,9 Gt generando un quarto (25%) del fabbisogno totale di energia elettrica a livello globale entro il 2050. Ovviamente, questo significa enormi investimenti in progetti solari fotovoltaici nei prossimi dieci anni, da un totale globale di 480 GW nel 2018 a 2480 GW entro il 2030 e così via.

L’Asia dovrebbe rimanere il leader dell’energia solare fotovoltaica in termini di capacità installata (50% entro il 2050), seguita dal Nord America (20%) e dall’Europa (10%). Anche l’Italia potrebbe essere un grande motore, essendo il secondo paese produttore di energia solare in Europa, con 822.301 impianti fotovoltaici attualmente in funzione su tutto il territorio nazionale con una capacità totale di 20.108 MW. Inoltre, in Italia si prevede una crescita del 50% del fotovoltaico nei prossimi cinque anni.

Il fotovoltaico insieme all’eolico, contro i combustibili fossili

Quindi, il solare fotovoltaico e l’eolico potrebbero davvero fare la differenza nella battaglia contro il cambiamento climatico. E questo è ancora più evidente quando si tratta di numeri. L’elettricità prodotta da fonti rinnovabili solari ed eoliche è di solito più economica da produrre che non bruciando combustibili fossili: ciò è dovuto a diversi fattori come gli incentivi statali, la domanda del mercato, i miglioramenti tecnologici e l’innovazione di prodotto. Per sottolineare le prestazioni e l’innovazione nel fotovoltaico dobbiamo solo guardare al tetto solare di terza generazione di Tesla, V3 Solar Roof, per uso residenziale lanciato quest’anno. Elon Musk ha dichiarato che i nuovi tetti solari Tesla costano mediamente meno rispetto ad un tradizionale tetto su cui poi devono essere installati a parte i pannelli solari. Progettati per assomigliare alle normali tegole di una casa residenziale, con uno strato in vetro e silicio che trasforma i fotoni in elettricità, i tetti solari di terza generazione Tesla stanno generando un’elevata produzione di elettricità, o almeno è questa la promessa di Musk. Funzioneranno? Questo è da vedere, ma possiamo sicuramente affermare che il mercato solare si sta innovando ad un ritmo sostenuto.

Cosa possiamo fare per rallentare il cambiamento climatico?

Le aziende soprattutto, ma anche i proprietari di case possono installare pannelli solari fotovoltaici per produrre energia pulita, con una serie di vantaggi:

  1. I panelli fotovoltaici rispettano l’ambiente in quanto non producono gas serra come il carbone, il gas e il petrolio.
  2. Si diventa energeticamente indipendenti. Non siete più dipendenti dalle grandi utility e potete, a vostra volta, produrre e vendere energia.
  3. L’impianto fotovoltaico produce energia gratuita a lungo termine, se adeguatamente mantenuto. Oltre ai costi di installazione e manutenzione – l’energia solare è gratuita. In questo modo, potreste sicuramente beneficiare a lungo termine di un risparmio sui costi dell’elettricità. Tuttavia, per raggiungere questi risultati positivi, è necessario monitorare e mantenere l’impianto fotovoltaico. Una manutenzione accurata è essenziale per mantenere l’impianto in funzione e produrre ad alta efficienza per molti, molti anni. Ed è qui che Hile può aiutare le aziende italiane, aumentando le prestazioni del loro impianto fotovoltaico in modo da ottenere una maggiore produzione di energia elettrica pulita con un minimo investimento. Con un approccio integrato nella realizzazione e nella manutenzione del vostro impianto fotovoltaico, così da garantire il migliore funzionamento possibile, proponiamo ai nostri clienti soluzioni su misura. Se siete interessati ad un impianto fotovoltaico ad alte prestazioni, potete scriverci all’indirizzo info@hile.it o contattarci al +39 049 9620845.

Lo stesso per le aziende, potrebbero essere interessanti i sistemi di accumulo di grossa taglia che garantiscono l’affidabilità fornendo l’energia quando serve e in maniera flessibile, in quanto accumulano e stoccano temporaneamente l’energia prodotta dai panelli.

Delle soluzioni per combattere il cambiamento climatico ne abbiamo, dipende solo da noi quanto ci teniamo ad accogliere la nuova era dell’energia pulita.