È possibile che la produzione cali di tanto se i pannelli fotovoltaici sono sporchi? Basta la pioggia per la pulizia dell’impianto fotovoltaico, oppure ci dobbiamo affidare ad un professionista? Queste sono alcune delle domande più frequenti nel mondo dell’impiantistica solare, dunque vediamo insieme come e quando è meglio fare la pulizia dei pannelli fotovoltaici, a prescindere dalla dimensione dell’impianto.

La pulizia dei pannelli fotovoltaici e il rendimento energetico

Per mantenere efficiente l’impianto fotovoltaico serve una rigorosa manutenzione e una pulizia dei moduli fotovoltaici, attività che garantiscono delle prestazioni elevate, riducendo allo stesso tempo i costi di sostituzione o riparazioni dei componenti. È vero che i pannelli sporchi possono avere un impatto diretto sul funzionamento dell’impianto riducendo la produttività di circa il 10%, soprattutto quando lo sporco diventa appiccicoso e in alcune situazioni quando l’impianto FV è:

  • nelle vicinanze di una zona di sabbia, sali o resina, come le zone marine
  • in zona ventosa, dove la polvere e i detriti si depositano sui moduli
  • zona densa di alberi che portano tanto fogliame, resine e detriti
  • in una zona industriale dove la fuliggine e i residui sono molto consistenti e concentrati
  • vicino la ciminiera di una stufa oppure di un camino con presenza di fuliggine

Con quale frequenza si deve eseguire il lavaggio dei pannelli solari?

Non ci sono delle regole di frequenza o stagioni definite per la pulizia, ma diciamo che è fondamentale eseguire un monitoraggio continuo dell’impianto per avere un’idea chiara del rendimento e di quando è necessario pulire i moduli. Ma se vogliamo proprio parlare di periodi migliori per la pulizia dei pannelli, marzo, aprile e settembre sarebbero i periodi più indicati e comunque dopo il verificarsi di piogge “sabbiose” tipiche del periodo estivo.

Come si puliscono i pannelli fotovoltaici?

Basta la pioggia per pulire i pannelli oppure devi affidare questa attività a degli esperti del fotovoltaico? La pioggia è sufficiente quando si tratta di una sottile patina di sabbia soprattutto per gli impianti residenziali di piccole dimensioni. Ma, per gli impianti industriali, quando lo sporco è appiccicoso, oppure proviene dalla presenza di nidi, guano, o piume di uccelli, è importante procedere con una pulizia professionale. La pulizia professionale dei pannelli fotovoltaici va eseguita con macchinari specifici che rimuovono lo sporco dal vetro e acqua demineralizzata, attività che di solito è compresa nella manutenzione dell’impianto fotovoltaico.

In Hile offriamo un servizio a 360°, a partire dall’installazione, alla manutenzione e pulizia degli impianti fotovoltaici, così da garantire un funzionamento efficiente e di lunga durata.